“703 – la serie” di L.F. Koraline

TITOLO: 703 – La serie

AUTRICE: L.F. Koraline

GENERE: Erotic romance

CASA EDITRICE: Newton Compton Editori

Acquista qui il romanzo

A chi piacciono i mattoni?

Certo sono un po’ scomodi da tenere in mano o da portare in borsa, ma che soddisfazione quando li finisci.

703 – la serie ha circa un migliaio di pagine anche perché è l’unione di ben tre libri:

  1. 703 ragioni per dire di sì
  2. Suite 703
  3. 703 volte tua

Eden Gari è la nostra protagonista. Studia per diventare veterinaria, ha un padre molto amorevole e benestante, una migliore amica, Patty, che la supporta in tutto… una vita quasi perfetta. Quasi perché non trova l’amore.

Certo ci sono state relazione amorose, ma nulla che le facesse realmente attorcigliare le budella.

Un giorno, però, Moros, dio del destino avverso, bussa alla sua porta perché il padre perde la vita in un incidente.

La morte del padre la sconvolge, ma da quel momento in poi tutto sarà una sciagura: non solo si ritrova senza l’amato padre, ma anche senza casa e azienda.

Senza esserne a conoscenza, l’azienda di famiglia era in bancarotta già da un bel po’ dunque, appena è stato possibile, è stata venduta.

Solo che Eden non riesce a non preoccuparsi di tutti quei dipendenti allo sbaraglio. Molti, con la nuova acquisizione, dovrebbero perdere il posto e lei non fa altro che pensare a tutti quelli che hanno problemi familiari, d’età, malattie… cioè tutti quei casi che rischierebbero di andare a vivere sotto i ponti senza un salario.

Dunque decide di andare all’azienda e, guarda caso, incontra il nuovo proprietario: Damon Black (il nome già fa capire il tipo).

Damon è un manzo. Alto, moro, occhi viola che catturano subito l’interesse di Eden e che le fanno risvegliare gli ormoni ormai assopiti da tempo.

Ma per salvare i 703 dipendenti fin dove si spingerà la nostra protagonista?

Perché nulla è gratis nella vita, anche se lei è molto brava a contrattare.

Prima di comprare questo volume ho letto qualche recensione e i pareri sono parecchio discordanti.

Non ho dato peso, neanche questa volta, alle recensioni altrui (anche perché quello che può piacere a me, può non piacere ad altri) e ho fatto bene.

Molti l’hanno paragonato a “Cinquanta sfumature” e sì qualcosa in comune c’è, alla fine è un erotic romance, ma qualcosa non significa copia.

Solo perché sia Damon che Christian Gray sono ricchi sfondati, belli da far paura, con un’infanzia difficile e con un inclinazione ad un certo tipo di sesso, non significa che i due siano uguale.

Damon Black NON è Christian Gray!

gif

Infatti qui per leggere di un rapporto sessuale ce ne vuole… più o meno bisogna terminare il primo volume, a differenza di “Cinquanta sfumature” che accade quasi subito.

Anche i personaggi secondari mi hanno sorpreso, soprattutto uno a cui non sarei mai arrivata. Qui la Koraline è stata molto brava riguardo il mistero tra Damon e Sean: a tratti pensavo fossero la stessa persona e poi due completamente diverse.

gif

Alla fine del secondo libro, Moros ha fatto un altro saluto e vi dico solo che ho pianto lacrime di coccodrillo, pur sapendo cosa succedeva a grandi linee.

Sì, lo so che non si fa, ma adoro leggere l’ultima pagina dei libri!

Non ci capisco nulla, ma ormai è abitudine.

Ritornando ad Eden, nel corso della storia è cresciuta molto, e al contempo è rimasta sempre sé stessa, sempre sognatrice, altruista e pronta a dare il proprio amore senza farsi, però, annientare.

Anche Damon è cambiato; quell’iceberg che aveva intorno al cuore pian piano si scioglie e mostra un uomo che sa e vuole essere amato.

Se non si fosse capito questo libro mi ha tenuta incollata. È stato un mix di gioia, passione, rabbia, tristezza, sono rimasta sconvolta, affascinata e alla fine felicemente appagata!

Dulcis in fundo: la Koraline ha continuato la saga e infatti, sempre con la Newton Compton Editori, sono stati pubblicati altri due volumi:

  1. 703 giorni
  2. 703 minuti

Il primo è già nelle mie mani e non aspetta altro che essere letto, Dunque stay tuned che tra qualche tempo posterò anche la recensione di quest’altra duologia.

Il mio voto finale per questa trilogia è:

Chiara

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *