“Stronze si nasce” di Felicia Kingsley

TITOLO: Stronze si nasce

AUTRICE: Felicia Kingsley

GENERE: Romanzo rosa

CASA EDITRICE: Newton Compton Editori

Acquista qui il romanzo

Londra, quella pioggerellina leggera, il Big Ben e una grande, ma che dico, grandissima stronza.

Nuova recensione di un libro della Kingsley, che ormai è una delle mie scrittrici preferite.

Non sapete cosa leggere e nella vostra libreria c’è un suo libro? Leggetelo e non ve ne pentirete.

La protagonista di Stronze si nasce è Allegra Hill, una ragazza intelligente, brillante, ma eterna seconda.

Allegra, fin dalle superiori, ha avuto dinanzi una tizia che sembra (e sottolineo sembra) perfetta in tutto.

Una ragazza che non alza un dito, ma che sa muovere i capelli biondi come la pubblicità della Pantene

e va avanti con tanto di tappeto rosso.

Il nome dell’ape regina?

Sparkle Jones.

Chi non ha mai avuto una personale Sparkle nella propria vita!

Però dai tempi delle superiori le cose sono cambiate. Allegra ora ha ventisei anni, è crescita e maturata…

Alt, maturata forse no, visto che ha sempre questo chiodo fisso.

E ci si mette anche il destino.

Adesso vi chiederete come è possibile che, in una città tanto grande come Londra, Allegra e Sparkle si rincontrino?

Allegra viene assunta nell’agenzia immobiliare più prestigiosa della città e indovinate un po’ chi lavora lì?

Sì, proprio la nostra adorata stronza. E, anche nell’azienda, sembra una dea scesa in terra: entra in ufficio e tutti si fermano a guardarla e chi è in sua compagnia è anche lui soggetto al cosiddetto sparkliness.

Anche se inizialmente la nostra protagonista è parecchio scettica nei confronti di Sparkle, proprio perché ancora non è riuscita a superare il rancore covato per tanti anni, poi cambia idea. Si avvicina alla bionda che sembra totalmente cambiata e che si comporta da vera amica.

E così abbiamo perso anche Allegra.

Lo sparkliness è come una droga, una volta che lo provi è difficile non volerne altro.

Cioè brilli come le Winx quando si trasformano!

Allegra per una volta vuole avere tutto, vuole essere anche lei una stronza.

Ma non è tutto oro ciò che luccica e naturalmente non si può cambiare dalla sera alla mattina.

Chiusa parentesi amicizie strane, ora bisogna parlare dei principi azzurri che devono per forza bussare alla porta.

Un bel giorno, infatti, Allegra incontra, o per meglio dire si scontra, con l’uomo dei suoi sogni: un bel ragazzo alto, biondo, con gli occhi verdi e che irradia fascino da tutti i pori.

A chi non capita di scontrarsi con un adone? Sfortunatamente, ancora devo avere questa grazia dal cielo.

Però, a parte l’adone 1, Allegra incontra anche l’adone 2… un altro bel modello, questa volta moro.

Ah, quanta fortuna ha questa ragazza! Ne vorrei avere un po’ anch’io, anche solo per guardare che di questi tempi male non fa.

Comunque cosa te ne fai del biondo quando puoi avere il moretto tutto per te? Se non si fosse capito il mio cuore palpita solo per lui!

In questo romanzo, come spesso mi accade leggendo i libri, ci ho intravisto una morale e cioè: i cambiamenti vanno bene, voler seguire l’esempio di qualcuno pure, ma non diventare quel qualcuno.

Non dobbiamo mai perdere per strada il nostro vero essere, la nostra unicità!

Perché in un mondo in cui abbiamo tanti soggetti di riferimento, è la nostra anima che ci permette d’essere migliori… o per lo meno di sentirci NOI, di credere in NOI!

Come sempre la scrittura di Felicia Kingsley è frizzante e limpida, tanto che il romanzo si legge in un battibaleno.

Il mio voto per questo romanzo è:

Chiara

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *